Ritestare per l’RNA di SARS-CoV-2 i pazienti “guariti” da CODIV-19: Persistenza, problemi di campionatura, o reinfezione?

Sono stati riportati casi di pazienti COVID-19 “guariti” e ancora positivi al test per SARS-CoV-2 che hanno sollevato numerose questioni importanti sul nuovo coronavirus e sulla malattia COVID-19. In questo lavoro vengono discusse diverse questioni:  (a) Il virus SARS-CoV-2 può reinfettare i soggetti che risultano guariti da COVID-19? Questa domanda è anche associata ad altri quesiti: l’infezione da SARS-CoV-2 induce una reazione protettiva o anticorpi neutralizzati? I vaccini contro SARS-CoV-2 saranno efficaci?  (b) Perché alcuni pazienti guariti da COVID-19 possono risultare nuovamente positivi al test dell’RNA di SARS-CoV-2?  (c) I soggetti guariti da COVID-19 e ritestati positivi per SARS-CoV-2 RNA sono infettivi? (d) Come si devono gestire i pazienti COVID-19 ritestati positivi per SARS-CoV-2?

Bibliografia

Kang H, Wang Y, Tong Z, Liu X. Re-test Positive for SARS-CoV-2 RNA of “Recovered” Patients With COVID-19: Persistence, Sampling Issues, or Re-infection? J Med Virol. 2020 Jun 3. doi: 10.1002/jmv.26114. Online ahead of print.

Related posts