La disbiosi contribuisce all’insorgenza di stipsi cronica via regolazione del trasportatore di serotonina nell’intestino.

La stipsi cronica è un disturbo gastrointestinale prevalentemente funzionale accompagnato da disbiosi intestinale. Tuttavia, la relazione causale tra disbiosi e stipsi rimane poco conosciuta. Il trasportatore della serotonina (SERT) è una proteina di trasporto transmembrana per il reuptake dell’eccesso di 5-idrossitriptamina (5-HT) ed è coinvolta nella regolazione della motilità gastrointestinale. In questo studio, sono stati trapiantati i microbiota fecali ottenuti da pazienti con stipsi e da controlli sani in un modello di topi depleti con antibiotici. I topi riceventi microbiota fecale da pazienti con stipsi presentavano una ridotta peristalsi intestinale e parametri di defecazione anomali inclusa la frequenza di espulsione delle pellet, peso e contenuto in acqua delle feci. Il trapianto di microbiota fecale portava ad una up-regolazione significativa dell’espressione di SERT nel tessuto intestinale e ad una riduzione del contenuto di 5-HT che correlava negativamente con il tempo di transito gastrointestinale. Inoltre, in topi riceventi microbiota fecale da pazienti con stipsi si assisteva ad una up-regolazione del SERT nelle cellule Caco-2. Questo processo era accompagnato anche da una ridotta presenza di Clostridium, Lactobacillus, Desulfovibrio, e Methylobacterium e da un tendenziale aumento di Bacteroides e Akkermansia, che sono anche coinvolti nel danno della barriera intestinale dopo la FMT. Riassumendo, la disbiosi intestinale può portare ad una up-regolazione dell’espressione di SERT e contribuire allo sviluppo di stipsi cronica.

1) Sci Rep. 2017 Sep 4;7(1):10322.

Servizio di aggiornamento professionale riservato alla classe medico offerto da:

Fisiomotil
Integratore alimentare di fibra solubile con L-triptofano, Nopal e Vitamina B6.

Related posts

REGISTRAZIONE MEDNEWS

CHIUDI

ACCEDI GRATUITAMENTE AI SERVIZI

 

Un servizio esclusivo riservato agli Operatori Sanitari

Registrati per accedere a contenuti di aggiornamento scientifico, strumenti e servizi riservati.

Chiudi